Piccoli Stop

Come avrete notato ho momentaneamente interrotto la mia attività di scrittore/blogger/quello che volete voi. Il sito si è spento dopo un anno passato su un hosting ballerino e con diversi momenti di down, ma gratis. E’ probabile che con l’arrivo dell’autunno io riesca ad ultimare il nuovo sito che avrà una grafica completamente ridisegnata e pensata per ogni tipo di dispositivo ed estremamente intuitiva (sfida impegnativa).

A parte il sito, anche i racconti sono stati accantonati per lasciare spazio ad un progetto un po’ diverso che spero possa vedere la luce fra pochi mesi, grazie all’aiuto di molte persone che ci stanno credendo e con cui sto lavorando. Parliamo di una web series: Paradoxman!

Trovate maggiori informazioni sulla pagina facebook e sul canale youtube. Restate sintonizzati!!!

Voglio aggiungere ancora una cosa… Dovete sapere che non capito qui per caso… Già da un po’ di tempo stavo pensando a certe cose di cui vorrei parlare, ma sui social network lo spazio è troppo ristretto per certi discorsi, quindi mi sono messo a vagare alla ricerca di qualche strumento che mi desse la possibilità di parlare liberamente e che fosse fruibile facilmente in seguito: il mio blog era la risposta.

Ho solo un dubbio sull’indirizzo internet… “Thafantasyworld” non mi rappresenta più moltissimo. Adesso mi invento qualcosa.

 

A presto!

Annunci

Alfa. Nuova e vecchia storia

Il 14 giugno, ricominceranno le produzioni di racconti sul sito con una nuova serie: Alfa. Dalla copertina, molto avranno capito che non ci discostiamo dalla serie “Back” che si è conclusa con “Back to Light”.

I lettori a questo punto vorranno capire cosa ci dobbiamo aspettare da una serie ormai a termine. Per questo ho deciso di scrivere qualcosa sul blog al fine di indirizzare tutti a questa nuova produzione.

 

Si tratta di un sequel?

No, non stiamo parlando di qualcosa successivo a “Back to Light”, ma piuttosto qualcosa di precedente. Un prequel, se possiamo chiamarlo così. Se dobbiamo posizionarli in un momento più specifico prendete in considerazione i primi due capitoli “Back Home” e “Back to Dream”. Il tutto si sviluppa, comunque prima dell’inizio del terzo capitolo.

 

Chi sono i protagonisti?

Non voglio entrare troppo nel dettaglio, ma i personaggi già li conoscete se avete letto i primi tre. Quello che cambia e il momento. Se nei primi due racconti lo svolgimento è completamente notturno, in “Alfa” siamo di giorno.

 

Alfa? Che significato ha?

Sicuri di non ricordare niente con questo nome? Consiglio di rileggere attentamente il primo capitolo “Back Home” per capire.

 

Se la storia è finita, non ci sono nuovi colpi di scena nella trama. Perchè farlo allora?

Con Alfa quello che cambia è la prospettiva della stessa storia. Può essere un modo per capire meglio la vicenda. Non ci sono vere e proprie svolte, ma ci sono dei particolari che non deluderanno chi si aspettava qualche spiegazione in più con “Back to Light” e non è stato accontentato.

 

Riguardo al prezzo?

Alfa sarà composto da solo due racconti ed entrambi saranno venduti al prezzo di 0.99€ su lulu.com e su un altro sito che ho scoperto di recente. Questa scelta è stata ben ponderata. Per tutti quelli che non intenderanno spendere questi pochi centesimi per leggere questa storia consiglio di aspettare l’autunno e se proprio hanno voglia di leggerli tenete d’occhio la pagina facebook e il profilo twitter. Le possibilità di averlo a zero ci sono, basta guardarsi intorno.

 

Le prossime uscite?

Dopo “Alfa Home” arriverà “Alfa Dream”, dopodichè sarà l’ora di una pausa fino al prossimo autunno. Posso garantirvi che “Back” avrà ancora modo di sconvolgervi e farvi riflettere. Manca ancora un tassello… Riguardo ad altri progetti non legati a questa prima serie ce ne sono una vera carrettata, ma avremo modo di parlarne più avanti.

 

Spero di aver accontentato tutti quelli che avevano bisogno di capire. Alla prossima.

REC Moment #02 – Frankenstein (Mary Shelley)

Ed eccoci giunti al secondo REC Moment.

Passiamo da un ottimo blogger italiano (Gianluca Santini) ad un classico dell’horror: Frankenstein. Il mostro creato da materia inanimata che prende vita grazie ad una forte scarica elettrica è ormai diventato un simbolo horror che supera il semplice “cult”, diventando una vera e propria icona.

Scritto da una giovanissima Mary Shelley nel 1818 e rivisto nel 1831. Si presume che Frankestein sia nato come racconto da una sorta di competizione fra Mary, il marito Percy Bysshe Shelley e altri amici e diventato solo in seguito un vero e proprio romanzo su consiglio del marito.

Quello che mi aspettavo di trovare, leggendo questa pietra miliare della letteratura, era una storia terrificante e parecchio aderente all’immaginario comune relativo a questa storia.

In fondo ognuno di noi si è fatto un’idea di come possa effettivamente esserci scritto in “Frankestein, o il moderno Prometeo”. Ebbene… E’ parecchio differente!

L’unico vero cardine che può dirsi aderente all’idea collettiva è proprio il mostro, il resto dell’intreccio è “inedito”.

Lo stile è passato, ma non ostacola particolarmente la lettura. Presenta un po’ di termini in disuso, ma è quanto mai capibile anche da chi non piace particolarmente addentrarsi nei meandri dell’italiano passato. Senza dubbio un segno di come la lingua si stia modificando per assumere espressioni sempre più semplici e abolendo sinonimi. Punto di riflessione interessante… Ma parliamo della trama!

Mary, l’autrice, non comincia parlando della creatura o del suo creatore, ma parte in modo molto singolare. Uno stile che ricorda le cornici di Boccaccio per il Decameron: lo stile è in prima persona e sono una serie di lettere indirizzata alla sorella del protagonista iniziale, un viaggiatore. Le prime pagine lasciano il punto interrogativo al lettore che si aspetta altro rispetto a racconti di mare, ammutinamenti e cronache di un viaggiatore. La verità è che siamo solo al prologo.

Finalmente, dopo aver introdotto il viaggiatore, le lettere iniziano a parlare di un naufrago, ritrovato fra i ghiacci durante il viaggio. Costui non è altri che Frankestein. Sì, Frankestein, non la Creatura. Molti si confondo, dando il nome all’abominevole essere, dimenticandosi che quello è il nome del creatore! Quindi attenzione! Non cadete anche voi in errore!

Dopo le classiche presentazioni, inizia la storia, raccontata da Frankestein in prima persona, quasi sotto dettatura, scritta dal viaggiatore. Secondo stop: La storia non parte dalla creazione dell’essere, ma dall’infanzia. L’intera vita dello scienziato è messa sotto analisi dai lettori, che imparano a conoscerlo e a stimarlo (o a odiarlo).

Solo dopo parecchie pagine si arriva al momento fatidico.

Da quel momento in poi il creatore sarà braccato dall’orrenda creatura, alla ricerca di risposte sull’esistenza umana, per cercare di capire il suo scopo nel mondo. Non troverà risposte in Frankestein, che lo ripudierà, attirando a sé la furia della Creatura che darà via ad una vendetta tremenda.

Non svelo altro, anche se la trama resta comunque abbastanza semplice, ma con un intreccio molto elaborato tipico di quel periodo storico. Gli stessi personaggi intervengono a più riprese, sparendo a tratti per riaffiorare successivamente, lasciando come unica incombenza la Creatura, onnipresente sul cammino dello scienziato.

Per quanto l’idea di fondo possa essere assimilabile ad un horror, lo stile impostato rende tutto molto lento e i momenti di terrori sono descritti eccessivamente, facendo calare l’attenzione e l’effetto sorpresa. Purtroppo il cinema ci ha abituato ad un tipo differente di “spavento” e oggi quella di Frankestein la etichetterei di più come storia drammatica che come horror.

Le vere sensazioni che lascia non sono di terrore, quanto di amarezza e rassegnazione. Mary Shelley sonda temi difficili come la morte e il senso della vita, rendendoli al meglio e facendo riflettere. E’ uno di quei libri che fa crescere personalmente un individuo e sono contento di averlo letto. Lo consiglio a tutti quelli che vogliono arricchire sé stessi senza spaventarsi troppo.

C’è solo una scena che lascia un senso di inquietudine: Lo scienziato nel suo laboratorio e la Creatura all’esterno con un sorriso diabolico in una notte tempestosa. Qualsiasi sia la fisionomia elaborata dalla vostra fantasia per i personaggi, quella scena lascia un brivido e la vostra mente ci tornerà più di una volta prima di scacciarla.

Buonanotte a tutti.