Mantova Comics & Games 2013

Un bel sabato, non c’è che dire…
Siamo in due in macchina. Io e Zido. Siamo sotto casa del terzo (il mitico Pago) e sono già quasi le nove.
Un po’ di sonno che però viene scacciato dall’idea di un viaggio interessante (in quanto l’autostrada per me era ancora terreno sconosciuto in qualità di autista…).
Chiamiamo.
Tutto lascia pensare che il terzo comapgno di viaggio sia morto o più probabilmente sia al lavoro. Dopo una decina di minuti ci deciamo a partire senza la protezione del numero perfetto: il 3.
Un viaggio lunghino rispetto ai miei soliti spostamenti e la schiena si fa sentire su quella Yaris che non ha la voce “comodità” fra le sue specifiche tecniche.
Un caldo soffocante che ci fa continuamente accedere e spegnere l’aria condizionata e pensiamo “Siamo a Marzo?” e dire che le previsioni portavano pioggia…

Dopo una certa difficoltà a pagare la maledetta macchinetta mangiasoldi che ci sputa felice 15 euro in moneta, ripartiamo facendo un bel pezzo di strada statale. Alla fine eccoci: Il Palabam.

La coda è notevole e inizia a fare un accumulo degno del giochino Snake. Evitando di morderci la coda, ci muoviamo in fretta verso la biglietteria e nel giro di un quarto d’ora siamo dentro.

Una sensazione di Dejavu che ti resta anche dopo che sei andato via. Una fiera del fumetto in piena regola: tanti stand, action figure, gente che discute di anime e comics, i mitici cosplayer e ovunque cataste di fumetti. In tutto questo forse un piccolo appunto per i “Games”. Siccome la fiera si chiama “Mantova Comics & Games” la loro presenza era scontata, ma su quel versante c’è stata un po’ di carenza. Unica cosa veramente degna di nota è stata vedere il mitico Metal Gear Solid 1 in vendita a 39,90€.
Nostalgia della vecchia PS1? Sì, decisamente.

Una mattina tranquilla segnata solo dall’incontro con i ragazzi di Orgoglio Nerd che ci hanno fatto un paio di domande che sono riuscite a distruggere la nostra autostima in materia nerd (bene così!).

Prelibato quanto caro pranzo al RoadHouse ci riporta in vita. Il pomeriggio passa distribuendo volantini un po’ a tutti quelli che incontriamo che sembrano essere interessati o che danno l’idea di saper leggere. Il famigerato Yotobi e i suoi altrettanto famosi colleghi tengono il loro discorso senza che in quella stanza ci sia più lo spazio anche solo per uno spillo. Dopo dieci minuti dove si odono esclusivamente voci decidiamo che non è il caso di occupare ulteriormente il corridoio, già stracolmo.
Appunto per gli organizzatori: se volete riproporre una cosa del genere ci vuole una sala più grande!

Ascoltiamo degli stralci di discussioni riguardo a zombie e simili, anche se poi tutto viene stravolto da nuovi eventi in programma nella stessa sala.
Una rivoluzione continua che vede alternarsi personaggi e relatori un po’ ovunque nella fiera.

Un pubblico difficile ed esperto al tempo stesso. Gli unici due eventi legati al mondo del libro non paiono essere particolarmente interessanti per nessuno dei partecipanti. Nemmeno i nuovi accattivanti volantini sembrano dare quell’alone di mistero che porta la gente a cercare Back.

Una cartuccia l’ho sparata, ma posso dire senza problemi che Mantova è andata a vuoto. Complice del fallimento anche la mancanza al mio fianco di chi veramente è addetto alla distribuzione e sa il fatto suo: Ilaria.
Pazienza! La strada è in salita, ma non mi spaventa. Se Back ha un potenziale emergerà presto! Per il momento continuate a seguirmi, la svolta arriverà!

Annunci

Poster in camera

E’ necessaria una confessione da parte mia per seguire questo nuovo post.

Io non ho mai avuto un poster in camera mia. Una serie di circostanze mi hanno sempre impedito di attaccare quei pezzi di carta colorata raffiguranti qualsiasi passione che un adolescente possa contrarre. Quello che importa è che i muri della mia camera hanno sempre solo avuto porte, finestre, mensole e qualche quadro (fra cui quello per me storico e che adoro degli Stati Uniti d’America disegnati) ma MAI poster.

Ebbene…

Oggi sono arrivati a casa i volantini e 10 “manifesti”. I volantini sono un po’ scuretti, ma quando si gioca con le ombre è difficile ottenere da subito un risultato perfetto. Ci arriveremo prossimamente 😉 Guardando i “manifesti” (tenere virgolettato questo termine ha il suo perché…) più che a manifesti ho pensato subito a dei poster. E quindi capite anche voi dove sto andando a parare…

Ho unito il sogno di un (circa) ex adolescente con il progetto che mi sta consumando come niente aveva mai fatto prima ma che mi sta già dando enormi soddisfazioni: Ho appeso quel poster in camera. E’ così i manifesti sono diventati a tutti gli effetti dei poster e io posso dire di aver colmato la mia lacuna.

…E piccola anticipazione: Il privilegio di avere anche voi uno di quei poster (magari come premio di qualche concorso? La butto lì.) potrebbe essere reale.

Contro ogni aspettativa

Avete presente quando avevo scritto ero preoccupato che il tutto potrebbe potuto durare giorni e giorni e non ero sicuro che Back to Light sarebbe uscito il 27 Febbraio? Ebbene…

Tutto sembra essersi risolto nel giro di una nottata.

Con grande stupore stamattina il sito si è caricato sotto i miei occhi increduli e anche l’area FTP improvvisamente è tornata a funzionare. Lo sforzo di chi ha lavorato per spostare il datacenter è stato notevole, sicuramente (anche se non ha postato niente su facebook o su twitter come promesso nella mail…) quindi faccio veramente un applauso ai tecnici perchè effettivamente il caricamento della pagina sembra essere leggermente migliorato.

Quindi falso allarme! Tutto funziona e potete andarvi a vedere la mega novità della barra di controllo nella parte bassa dello schermo se non l’avete ancora fatto 😉

Il sito provvisorio lo lascio per eventuali recidive (che spero non si presentino).

Grazie a tutti per la pazienza! Il viaggio riparte direzione Back to Light! Non mancate!